Posts Tagged shabby

Recupero e shabby: cassettone.

Questa estate mi è stato chiesto di recuperare un antico mobile e renderlo un po’ più attuale, svecchiandolo in modo da poterlo inserire in una casa al mare.
Si tratta di uno di quei cassettoni enormi, che il tempo ha consumato impietosamente, senza però renderlo affascinante.
Il lato positivo nell’avere un vecchio e malandato mobile è che è sempre convertibile usando qualche accortezza e un po’ di creatività, senza tralasciare il buongusto. Il legno vecchio è versatile, al contrario dei nuovi mobili in commercio magari economici ma facilmente soggetti all’usura del tempo.

Il primo passo è stato quello di grattare tutto il coppale residuo per permettere alla pittura di penetrare bene nel legno.
Non proprio il lavoro più eccitante del mondo e anche molto faticoso; è però importante per evitare che dopo la prima mano di pittura il maledetto coppale riemerga lasciando delle odiose chiazze.
Dopo averlo spolverato e pulito con un po’ di alcool ho passato una mano di fondo legno all’acqua bianco. E’ importante seguire le venature del legno se volete che l’effetto finale sia bianco invecchiato e non laccato uniforme.
Dopo il tempo di asciugatura ho rifinito con uno smalto bianco all’acqua sempre seguendo le venature e distribuendo le pennellate in modo da ottenere delle sfumature in alcuni punti, soprattutto le estremità e gli spigoli.
All’interno ho realizzato un decoupage con fogli di giornale e ho passato una mano di flatting all’acqua sia sul decoupage sia all’esterno, per evitare che appoggiando un bicchiere bagnato rimangano i segni sul legno. Immagine

 

Immagine

Immagine

Immagine

 

, , , ,

Leave a comment

Recupero e Shabby Chic: cassettiera

Il legno è amore. E’ consumato, vissuto. Come la nostra pelle conserva i segni del tempo e li palesa nelle sue striature.
Da un po’ di tempo mi piace scovare oggetti antichi, spesso rotti o inutilizzati nei mercatini e regalargli nuova vita. Lo stile che spesso utilizzo è lo Shabby Chic. I mobili vengono svecchiati, resi meno cupi e adattati a vari ambienti. Spesso -ed è la cosa che preferisco fare- viene cambiata anche la destinazione d’uso. Un armadio dove venivano riposti i vestiti viene utilizzata per i piatti, bauli diventano tavoli da soggiorno, antichi cestini da pic nic trasformati in porta gioielli.

Oggi parlerò di una triste cassettiera trasformata in mobile elegante e versatile, con un tocco di originalità.
Ho tolto i cassetti, riparato la parte posteriore con la sparapunti, stuccato le imperfezioni degli angoli del legno che si era sfaldato in alcuni punti. Se il legno è molto sporco potete pulirlo con un panno bagnato con alcool o bicarbonato.
Ho carteggiato (anche se il legno era molto consumato) per togliere tutta la patina di vecchio coppale che era stata stesa sul mobile ed evitare che riemerga dopo aver dato lo smalto. Dopo aver spolverato ho dato una mano di fondo legno.
Io uso quello universale all’acqua.

Immagine

Ho aspettato i tempi di asciugatura e in seguito ho steso una seconda mano di fondo legno questa volta con pennellate irregolari in modo da rendere il colore sfumato. Personalmente, tendo a dare anche la prima mano di fondo legno in maniera non troppo omogenea in modo da ottenere delle zone in cui traspare il legno grezzo.
Attendo ancora l’asciugatura e stendo una mano di smalto all’acqua. Potete scegliere tra diverse tonalità di bianco tra cui ghiaccio, latte, opaco, lucido. Purtroppo, data la varietà di marche presenti è difficile capire le differenze. Io acquisto il bianco standard e, se troppo lucido, lo invecchio con la cera in seguito.

In questo caso ho decorato il piano della cassettiera con una stampa di pizzo macramè applicato con la tecnica del decoupage. Motivo che ho applicato anche lateralmente ai cassetti.
Ho inoltre sostituito i pomelli.

Ho infine passato due mani di flatting per rendere il mobile impermeabile all’acqua, nel caso venga adoperato in cucina, o semplicemente per evitare che rimandano aloni se dobbiamo poggiarci sopra un bicchiere.
Il faltting è comunque necessario quando si applica il decoupage. Ricordatevi di stenderlo in modo uniforme, controllando in controluce le pennellate perché, una volta asciugato, le irregolarità tendono a vedersi.
Anche il flatting è all’acqua.

Questo è il lavoro finito!

Immagine

Immagine

, , , , , , , ,

Leave a comment

%d bloggers like this: