Archive for category Why I Like

Tutto ciò che puoi immaginare, la natura lo ha già creato.

Le rivoluzioni migliori sono quelle che cominciano un giorno qualunque, senza avvisaglie o preparazioni. Da quando la parola INCI si è insinuata nel mio cervello, niente è stato più come prima. Un’amica mi ha introdotto nel fantastico mondo della composizione dei cosmetici, creme, detergenti e il mio orizzonte ‘cosmetico’ si è rovesciato.

INCI è l’acronimo di International Nomenclature of Cosmetic Ingredients, o più semplicemente la nomeclatura internazionale della composizione dei cosmetici. Mentre mi aggiravo per caso controllando qui qualunque sostanza venisse a contatto con la mia person,a scopro che tutto ciò che tocchiamo ha un’alta percentuale di additivi chimici, conservanti, derivati, siliconi che sono dannoie per il nostro organismo e che potremmo farne volentieri a meno. La cara Nivea, quella che mia madre si spalma con dedizione da trenta anni sottoforma di detergente, crema viso, mani, corpo, e che ha come secondo ingrediente la paraffina liquida, evidentemente derivata del petrolio, ha chiuso l’anno 2012 con un +7% di fatturaro rispetto allo scorso esercizio. Com’è possibile che prodotti così potenzialmente dannosi o comunque non benefici siano premiati dal mercato tanto da avere una crescita così importante?

Il marketing risponderete voi. Sicuramente la parte di marketing relativa alla comunicazione, la ‘P’ della Promotion è la carta che viene giocata con maggior successo. Viene presentata come crema sana, giovane, da usare sempre e comunque. Giovani ragazze bellissime ballettano spalmandosi di crema al petrolio e noi dovremmo anche crederci.
Ma i tempi sono cambiati. Non possiamo pretendere che gli altri facciano i nostri compiti a casa e poichè un prodotto si trova sul mercato non è detto che soddisfi i nostri canoni di eccellenza (Vedi il Ragù Star pieno di carne equina). Senza contare le creme di brand luxury che secondo la mia opinione rasentano la truffa la pubblicità ingannevole.

Mi sono innamorata di un sito http://www.ecco-verde.it/ e ho acquistato da loro aluni prodotti per la cura del viso e del corpo, che sono completamente naturali, ricchi di estratti e veri oli essenziali in armonia col nostro corpo. Senza dimenticare il cruelty free.
Ci sono prodotti adatti per ogni tipo ti pelle, capelli, esigenza o desiderio,

Vorrei che siti come questo fossero pubblicizzati e che fosse possibile da parte di chiunque avere accesso a informazioni che riguardano la salute della nostra pelle. Per ora la rivoluzione è per pochi che però, strenuamente, diffonderanno il verbo.

Come è riportato sul sito: “Everything you can imagine, nature has already created.”

P.S. La Nivea l’ho usata per smacchiare il lavandino quando ho tinto i capelli. Funziona.

Advertisements

, , , , , ,

Leave a comment

God bless Sky.

In queste serate invernali glaciali abbiamo un pò rinunciato alla ‘Firenze da bere’, sostituendo piazza Strozzi con un più rassicurante divano MASTAD di Ikea. Ha la chaise-longue laterale e può diventare anche divano letto, ma non uno di quelli tristi col materasso tipo sottiletta, alto come un futon. E’ un divano letto serio. Fatto sta che da quando l’abbiamo montato è sempre rimasto aperto. Tipo portaerei. Da un pò di tempo, il nostro canale preferito è Real Time. E’ un contenitore magnifico, si spazia da “Paint Your Life” dove la ormai nostra amica Barbara, ci insegna a trasformare qualunque oggetto in qualcosa di accattivante e trendy. Una sorta di MacGyver dell’arredamento, “Cortesie per gli ospiti”, nel quale tre giudici vengono invitati a cena da due sfidanti, uno dei quali si aggiudicherà la puntata. Questi vengono appunto valutati dalla deliziosa Chiara Tonelli, architetto e interior designer, incaricata di valutare le case dove si svolgono le cene, il fantastico Roberto Ruspoli, esperto di buone maniere che, in tutte le puntate, ripete ossessivamente di evitare di dire “Piacere” quando si è presentati ad una persona ma, probabilmente, gli sfidanti preferiscono partecipare alla trasmissione piuttosto che guardarla, visto che si presentano regolarmente così, e il simpaticissimo chef Alessandro Borghese, vero e proprio re di Real Time, in quanto conduce altre trasmissioni culinarie tra cui “Fuori menu” e “Cuoco gentiluomo”. Da notare la pubblicità proprio di “La mattina in cucina” che vede il nostro Alessandro mentre si reca in cucina ed inizia a impastare, munito di vestaglia da tombeur de femmes: la voce fuori campo recita “Per tutti quelli a cui piace farlo la mattina” e il nostro cuoco completa con “Cucinare eh!”. Fantastico. Abbiamo poi  “Ma come ti vesti?!” con Carla Gozzi ed Enzo Miccio che hanno il compito di esorcizzare la mente di poveri individui, sprovvisti di buon gusto nel vestire.
Insomma, una varietà di programmi incentrati sull’interazione tra pubblico e personaggio tv. Forse un pò canzonatorio nei confronti di noi comuni mortali, ma divertente e dissacrante. Soprattutto sempre meglio di ciò che mandano in onda nella tv di stato. God bless Sky.

, , , , , , , , , ,

1 Comment

Why I like Jean Louis David.

 

Porto i capelli tendenzialmente lunghi, non li coloro, al limite una volta l’anno dopo l’estate, per eliminare i riflessi chiari e adesso ho un taglio pari il che corrisponde, per i parrucchieri a “noioso a morte”. Appena mi vedono, scorgo nei loro occhi la luce dell’artista, vorrebbero convincermi in ogni modo a cambiare look, mi sottopongono cataloghi su cataloghi, nuovi tagli alla moda, colpi di sole, riflessanti, ciocche colorate, frangia. La delusione è palpapile quando dico che sono venuta solo per una “spuntatina”. Lo so, sono noiosa, però credo di non aver ancora superato lo shock di alcuni anni fa quando, convinta dal parrucchiere a schiarire delle chiocche, mi sono ritrovata completamente bionda. E dico bionda. Considerando le mie sopracciglia e la mia carnagione, mi sembrava di vivere un incubo.
Cambio spesso salone, mi piace provare parrucchieri diversi, non ho quello di fiducia. Detto questo, appena seduta sulla sedia e, dopo averlo convinto che no, non farò un carrè e preferirei rasarmi a zero piuttosto che ripetere l’esperienza dei colpi di sole, iniziano le domande di rito: “Sei di qui? Quandi anni hai? Sei laureata? Sei fidanzata? Lavori?”. Considerando che mi sono appena messa a sedere, dopo l’asciugatura saprà anche il mio codice fiscale. Brutto modo per iniziare. So che, probabilmente, queste domande vengono considerate normali nell’interazione di servizio tipica del salone di parrucchieri. Non so se servano più a mettere a proprio agio il cliente o a farsi un pò i fatti degli altri. Tagliarsi i capelli è come farsi un massaggio, andare in una spa, ci dovrebbe essere silenzio, candele profumate e musica d’atmosfera. Ed arriviamo al motivo per cui mi piace Jean Louis David. Nel momento in cui indossi la veste con attaccato il bigliettino con su scritto cosa diavolo sei venuta a fare, inizia il percorso del rilassamento interrotto solo da domande plausibili come “L’acqua è di suo gradimento?” e non “Hai un anello all’anulare, vuol dire che stai per sposarti?”. E poi adoro quelle macchinette elettriche con cui tagliano i capelli. I capelli che dovrebbero risultare pari, sono pari veramente!  Eureka! E non quasi pari, come mi è capitato molte volte di notare tornando a casa. Certo, bisogna stare allerta per quanto riguarda gli shampoo speciali che, inesorabilmente, ti ritroverai sul conto se (come me) hai difficoltà a dire di no. Ma alla fine, cosa sono dieci euro in più in cambio del molto apprezzato silenzio?

, , ,

4 Comments

%d bloggers like this: